Dalla parte del cavallo

Roma - Vittorio Emanuele II (Altare della Patria)
Roma - Vittorio Emanuele II (Altare della Patria)

Nel passato, quanto più era importante e blasonato il cavaliere, tanto più il cavallo doveva essere bello, prestante e baldanzoso. Passavano gli anni e il cavallo invecchiando perdeva tali virtù. Per questo motivo veniva trasferito, riservandogli l'umile condizione della soma. Vita dura e senza speranza.


Ad aggravare la situazione c'era la presenza del maiale nella stessa stalla. Quest'ultimo non perdeva mai occasione per dileggiarlo e deriderlo. A causa del suo stupido compagno, il cavallo passava i suoi giorni infelice, arrabbiato e stanco.


Un giorno, il suo vecchio cavaliere si presentò nella stalla a fargli visita. Era in compagnia del padrone di casa, suo caro amico. Pensando alle trascorse avventure vissute assieme, lo riempì di carezze e di premure. Con enfasi, comunicò all'amico che quello era veramente un gran giorno.
"Fantastico!" disse il padrone di casa "Ci aspetta una grande festa, ammazzeremo il maiale e faremo una bella tavolata!"

 

La crisi economica non ci fa mancare proprio nulla. Mai sorridere sulle disgrazie altrui...

 

23.07.2012